Categoria: informazioni di viaggio

Un anno in viaggio: le mete del 2018 e quelle del 2019

Un anno in viaggio: le mete del 2018 e quelle del 2019

Viaggiare per me è vivere, una frase che racchiude esattamente ciò che sono. Ma non è solo il momento del viaggio in sé che adoro, è tutto ciò che lo circonda.

Dall’organizzazione di un viaggio, dai posti che visito, alle persone che incontro. E mi piace scoprire dove vanno le persone che conosco, mi piace conoscere nuovi posti. Così ogni volta che qualcuno mi parla di un posto di cui non so nulla, inizio a studiarlo, per capire se può entrare nella mia lunga, lunghissima “lista dei desideri”.

Così, quando Momondo ha pubblicato lo studio Year in Travel, mi sono divertita a leggere le mete, pensando “a chi ” avrei consigliato questi posti…ogni luogo infatti  ha caratteristiche adatte ad una o ad un’altra persona. Dimmi dove vai e ti dirò chi sei…giochiamo con i viaggi!

Mete, Perth

Le mete europee più gettonate nel 2018 secondo lo studio sono state:

Sofia, Bulgaria: città ricca di storia, famosa la sua cattedrale inserita nella lista Unesco dei Patrimoni dell’Umanità. Meta che, per noi italiani, è facilmente raggiungibile e a prezzi ragionevoli. Ideale anche per un week-end romantico. A chi la consiglio? A chi ama le città, a chi vuole passeggiare fra chiese e moschee e a chi si diverte a girovagare fra i mercatini delle pulci. Ah! ricordatevi, a Sofia per dire SI, non si annuisce con la testa, ma la si gira la testa da destra a sinistra (il nostro NO per capirci!)

Berlino, Germania: non poteva non esserci la città più europea per eccellenza. Mai come in quest’ultimo anno amici e parenti sono partiti alla scoperta di questa città. A qualcuno è piaciuta tantissimo, ad altri affatto. Ma Berlino è così, non piace a tutti, ma un salto almeno una volta nella vita lo consiglio. Per chi? Per chi ama gli orsi, naturalmente.

Eindhoven, Paesi Bassi: complici i voli last minute, questa città tecnologica (qui è nata la Philips che, oggi, ha trasformato il suo stabilimento in un museo) è una città giovane, dinamica e vivace. Un week-end qui significa modernità e sport: città da girare assolutamente in bicicletta, grazie alle bellissime piste ciclabili sparse ovunque. A chi è adatta? A chi vuole sentirsi giovane.

Seguono Bruxelles e Londra.

Mete, New York

Le principali destinazioni extraeuropee del 2018 degli italiani:

New York, non ha bisogno di presentazioni. Io la amo, è incredibile l’aria che si respira, meravigliosi i grattacieli ma ciò che più ti rimane (a parte il male ai piedi) è quella sensazione di “posso fare tutto” che ti riempie l’anima. Per chi? Per tutti indistintamente, tutti.

Bangkok, Thailandia: negli ultimi anni i prezzi per raggiungere la Thailandia si sono abbassati notevolmente, rendendo conveniente raggiungere Bangkok. Un viaggio in questa città incredibile è un viaggio fra la gente. Caos, rumori, gente a piedi, è tutto un brullicare di teste. Bangkok va vissuta così, immergendosi nel caos, mangiando ad ogni ora in una delle tante bancherelle e sorseggiando un drink in uno dei tanti bar in cima ai grattacieli. Per chi? Per chi invece ama stare fra la gente.

Tokyo, Giappone: questo è l’anno del Sol levante. Il Giappone incanta, ti lascia senza fiato e soprattutto in primavera, ti accoglie con tappeti rosa dei fiori di ciliegio. Tokyo ammalia con il suo essere in bilico fra modernità e tradizione, con templi colorati che si fanno strada fra enormi grattacieli. Tokyo è il tutto e il niente. Per chi? Per tutti coloro che amano i ritmi tranquilli e sanno ascoltare.

Seguono Amsterdam e Miami.

Mete, Miami

E quali sono le mete di tendenza per il 2019?

Fort-de-France, Martinica: questa è una meta che non conosco, ma capisco benissimo il desiderio di andarci. Sono stata ai caraibi, e queste isole per me sono sinonimo di relax, mare, temperature perfette. Ma ciò che ho amato di più dei caraibi sono i colori vivaci e la musica. Tutto qui trasmette allegria, anche la frutta dai colori e forme strampalate.

Amman, Giordania: meta ideale per scoprire il medio Oriente. Amman, famosa per i 7 colli, la Cittadella e le rovine antiche. La capitale della Giordania oggi è moderna, con centri commerciali e palazzi. Ma per conscerla davvero, alzatevi presto al mattino e fate un salto al mercato e camminate lungo le vie che scendono fino alla città bassa.

Perth, Australia: ehhh siii, finalmente la mia Perth inizia a farsi conscere. Sono molto felice di questa segnalazione, il Western Australia è l’ultimo dei posti che uno pensa quando va in Australia, ma sinceramente è anche il più bello. Selvaggio, desertico, spiagge da favola e cielo sempre azzurro. Cosa volere di più? Destinazione adatta a tutti, naturalmente.

Ci sono poi Pointe-à-Pitre, Guadalupa (Caraibi) e Medellín, Colombia.

Mete, spiagge del WA

 

 

Che ne dite? Pronti a fare la valigia? Quale sarà la vostra prossima meta?

Qualunque sarà, godetevi ogni istante, prendetevi il tempo per guardare oltre la cattedrale famosa o il museo importante. Perdetevi fra le vie, nelle spiaggie e fra la gente, solo allora sarete pronti per ritornare a casa. Have a beautiful journey 🙂

 

#owtravelers #admomondo

Alloggi particolari – sistemazioni curiose dove dormire

Alloggi particolari – sistemazioni curiose dove dormire

Alloggi particolari dove dormire? Vi racconto la mia esperienza.

Vi ho già parlato delle infinite possibilità di dove alloggiare in giro per il mondo. Scegliere fra un hotel o un campeggio o, ancora, fra una notte sotto le stelle e una camera può fare la differenza.

Le combinazioni di alloggi sono infinite, basta dare un occhiata alla selezione di hotels su @momondo per rendersene conto. Scegliere quella giusta può trasformare il viaggio.

Non sempre la scelta migliore è l’hotel più costoso. A volte proprio l’alloggio meno probabile, l’alloggio particolare, quello più strano e incredibile può trasformare il viaggio in una vera e propria avventura. L’alloggio diventa il viaggio stesso.

Ho sempre dedicato molta attenzione alla scelta del “dove dormire”, mi piace curiosare per scoprire posti unici, alloggi particolari e caratteristici o semplicemente naturali.

Ho dormito solo una volta in un hotel di lusso, un vero 5 stelle. Dubai, Jumeirah Creekside Hotel, un albergo moderno, luccicante come ogni cosa a Dubai. La stanza era grande quanto casa mia, un letto gigantesco con copriletto rosso e oro, una vasca da bagno al centro della camera e prodotti da bagno che sembravano usciti da una boutique. Il Creekside è il fratello minore del Burj al-Arab e così abbiamo potuto godere dell’ospitalità della sua spiaggia, dove mi sono sentita una regina. E’ un ottima scelta, lusso, senza pagare cifre astronomiche.

alloggi particolari, Dubai

A parte i rari casi di 5 stelle, in generale nei miei viaggi cerco gli alloggi particolari, cerco l’hotel che racconta del posto in cui sono. Se posso evito le grandi catene alberghiere, dove tutti gli hotel sono uguali e anonimi, ma a volte per risparmiare opto anche per quelli. 

Questa la mia classifica di alloggi particolari dove ho soggiornato ad oggi …  la aggiornerò “viaggio facendo” :

1. Mälardrottningen

Un hotel nave a Stoccolma. La camera logicamemte era piccolina, con letti a castello e un piccolissimo bagno dove, mentre si faceva la doccia potevi anche lavarti i denti. Un piccolo oblò dava direttamente sulla piazza. Ci trovavamo esattamente in centro Stoccolma. Al mattino si faceva colazione sul ponte superiore, i raggi del sole ancora sonnolenti illuminavano i bicchieri di cristallo, rendendo l’atmosfera magica. Posizione eccellente, pace assoluta e pulizia.

alloggi particolari, stoccolma

2. Campeggio Masai

Non un hotel ma un campeggio, e non un campeggio normale, un campeggio Masai: abbiamo trascorso 3 notti in questo campeggio in Tanzania, vicino al lago Natron. Eravamo solo noi e i Masai.

Cinque stelle? No, non aveva nulla questo campeggio, ma di stelle ne aveva milioni. Non aveva i bagni, ma solo un buco scavato sulla terra, riparato da pareti fatte di fango e paglia. La doccia era straordinaria: una lunga conduttura nera portava l’acqua da una cascata al campeggio. Appena si apriva l’acqua, questa scendeva naturalmente bollente (visto il gran sole della giornata) e c’era anche un secchio per quando non funzionava il rubinetto.

La prima notte faceva molto caldo, così abbiamo dormito solo con la zanzariera: addormentarsi cullati dalle stelle, ora gialle ora blu, ora brillanti e ora meno, è stato un incanto. Non ho più trovato un posto così in tutto il mondo. Ma a renderlo ancor più speciale sono stati loro, i Masai, che ci hanno vegliato tutta la notte con tanto di lancia in mano… i leoni si sentivano nelle vicinanze!

Alloggi particolari, Tanzania

3. Ghost town

L’ultimo alloggio risale a pochi giorni fa ed è stato un modo alternativo per vivere la mia Australia: una vecchia casa di una Ghost Town, nel mezzo del deserto rosso australiano.

Siamo a Kalgoorlie, famosa per la miniera d’oro più grande al mondo. Alcuni chilometri più a nord, percorrendo una strada sterrata di 14 chilometri, si arriva ad una vecchia Farm Station. Qui vi accoglieranno mosche, tante mosche ma alla sera sono il silenzio e il cielo stellato a farvi compagnia. Trovarsi nel mezzo del nulla, con il cielo che via via si fa sempre più blu. Sentire strani rumori attorno, la paura del “chissà cosa è”… e scoprire solo al mattino che era il vento, era un lieve soffio di vento che risuonava sul vecchio tetto in lamiera. Per chi vuole assaporare l’outback australiano, questo è il modo più naturale per viverlo.

Alloggi particolari, stanza in farm station

 


Eh lo so, non vi ho raccontato di hotel mega-galattici, con materassi alti cinquanta centimetri e lenzuola di seta. Neppure di dormire nelle Dolomiti sospesi su amache a 100 metri d’altezza o in hotel capsule a Singapore.

Questo è il mio modo di viaggiare, il mio modo di entrare diretta diretta nel luogo che visito. Andare in Tanzania e non dormire in un campeggio, non è vivere la Tanzania. Viaggiare in Australia e dormire in normali camere di albergo, non è vivere l’outback.

Almeno per una volta, anche una sola notte, sperimentare il modo di vivere delle persone del luogo è il modo migliore per comprendere, per capire cosa significhi e sentirsi parte integrante di quel paese.

Vi è venuta voglia di partire? Predete la valigia, spulciate fra gli alloggi su @momondo e lasciatevi ispirare dal momento … viaggiare è il modo migliore per vivere.

alloggi particolari, sunset tamonto

 

#owtravelers  #admomondo

Dove dormire: dagli Hotel a sotto le stelle

Dove dormire: dagli Hotel a sotto le stelle

Dove dormire quando andiamo in viaggio? Hotel, alberghetti, alloggi tipici, campeggio o ..macchina. Quale scegliere?

Dove dormire è un argomento del viaggio che richiede molto tempo,  ma è anche il momento che io adoro nei viaggi. La scelta cambierà il tipo di viaggio, cambierà sicuramente il ricordo che avremo del posto e, potrebbe trasformare un semplice “giro”, in un viaggio indimenticabile o, anche il contrario.

Read More Read More

Noleggio auto – mini guida e consigli pratici

Noleggio auto – mini guida e consigli pratici

Ci sono molti modi di viaggiare. Per ogni mezzo di trasporto che scegliamo è importante fare la scelta corretta, soprattutto quando il mezzo è il viaggio stesso. Pensiamo ad esempio ad  un lungo percorso a piedi (il Bibbulmun Track in Australia), è fondamentale la scelta delle scarpe. O un lungo giro in moto, importante scegliere la moto giusta in base all’itinerario.

E l’automobile è un altro importante mezzo per viaggiare, spesso il più utilizzato.

In molti mi hanno chiesto consigli sulla scelta dell’automobile, su come organizzavo i miei Viaggi on the Road, così ho cercato di riassumere tutte le informazioni utili in questo articolo.

Read More Read More

Viaggio on the Road: consigli per un viaggio indimenticabile

Viaggio on the Road: consigli per un viaggio indimenticabile

Gran parte dei miei viaggi sono stati, e lo sono tutt’ora, dei viaggi on the road.

Ripensando ai primi viaggio on the road, sorrido se penso a quanti errori ho fatto, a quanto tempo impiegavo per organizzarli e puntualmente dimenticavo qualcosa. Il primo on the road in Namibia è stato un disastro: non conoscevamo l’auto, così che siamo rimasti ore sotto il sole con la macchina insabbiata solo perchè non sapevamo che, per attivare il 4×4, bastava “girare una farfalla” posta direttamente nelle ruote!

Read More Read More

Codici Sconto Viaggi e dritte per risparmiare

Codici Sconto Viaggi e dritte per risparmiare

Quando organizzo un viaggio, dopo aver programmato le tappe, cerco il il volo e l’hotel migliori, magari verifico se esistono sconti da poter applicare per quel periodo o quella destinazione. Ho pensato di raggruppare, in questo articolo,  i vari codici sconto che utilizzo, così da condividerli con voi.

Di seguito i CODICI SCONTO e DRITTE per risparmiare nelle prenotazioni, dagli hotels ai voli, dal noleggio auto ai pacchetti viaggio.

Read More Read More

Le guide turistiche di viaggio servono ancora?

Le guide turistiche di viaggio servono ancora?

Dieci anni fa pensavo che le guide turistiche di viaggio cartaceee sarebbero sparite.

Internet oramai ti consente di vedere, leggere, trovare informazioni su ogni luogo della terra. Cerchi un hotel costruito sopra un albero? C’è. Cerchi un luogo in cui poter vedere gli ultimi primati della terra? Esiste. Vuoi andare sulla Luna? Oggi si può. La guida turistica diventa inutile.

Read More Read More

Cosa mettere in valigia: lista della spesa

Cosa mettere in valigia: lista della spesa

Cosa mettere in valigia? Come fare li bagagli?

Eh si, come una brava casalinga, che va a fare la supermercato, anche noi viaggiatori dobbiamo farci una lista della spesa, per evitare di trovarci a mille miglia di distanza …senza i calzini.

La cosa migliore è farsi una propria check list con tutte le cose da portare in un viaggio, depennando poi, a seconda della meta, quelle cose che non servono.

Read More Read More