Destinazioni alternative nel Veneto

Destinazioni alternative nel Veneto

Veneto, non è solo Venezia, ma tante destinazioni alternative per conoscere questa regione, girovagando per borghi caratteristici e laghi di montagna.

Ebbene si, io sono Veneta nel sangue, Australiana per scelta e cittadina dell’Universo. Così mi piace considerarmi, ovunque a casa, sempre alla ricerca di qualcosa che mi sorprenda e soprattutto, di posti che mi lascino a bocca aperta. E sopra ogni cosa, luoghi dove la natura sia protagonista.

 

destinazioni alternative nel veneto, castel ivano e il sole

Il Veneto è una Regione ricca di luoghi, dai più noti, come Venezia e Verona, fino a piccoli borghi ricchi di storia e di colore. E’ difficile scegliere, ma io so da dove iniziare.

Quando ritorno in Italia, il mio primo desiderio è andare in montagna, lassù il verde è verde intenso, l’aria è frizzante, il cielo non è semplicemente azzurro, ma è il blu elettrico di un pennello appena intinto e le vette, le vette sembrano vive, battagliere, come giocassero a pallone con il cielo.

destinazioni alternative nel Veneto -castel ivano entrata

Destinazioni alternative nel Veneto

Fra tutti i luoghi che consiglierei, alcuni sono speciali, unici e soprattutto “naturali”:

– Castel Ivano,

un castello arroccato sulla montagna, torrioni e portoni di legno scuro, edera che abbraccia le mura. E’ un luogo di magia, per pochi minuti ci si sente principi e regine. Il Castello è utilizzato, oggi, per matrimoni ed eventi e negli anni ha visto diversi personaggi famosi innamorarsi proprio sotto le sue mura. Qui sono passati Eleonara Duse, Richard Wagner, Ermanno Olmi, Rita Levi Montalcini e proprio in questo posto  si sono sposati Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e la moglie. Per visitarlo è necessario prenotare una visita guidata.

castel ivano

– Laghetti di Colbricon,

da raggiungere con una passeggiata in mezzo ad alti pini e cespugli di campanule blu. I laghetti sono diventati famosi negli anni.  Ad agosto, quando il caldo in pianura è impossibile, in molti raggiungono il Passo Rolle (a 1984 metri)  e da li in un ora di cammino sono ai laghetti di Colbricon. Sono due, sono gemelli, sono come due grandi occhi che guardano le Pale di San Martino e il gruppo del Lagorai. Una volta raggiunti i laghetti ci si può divertire a seguire i diversi sentieri che portano alle Pale, alcuni di questi sentieri percorrono gallerie e trincee della 1° guerra mondiale. Un modo alternativo per conoscere la storia dei nostri nonni.

prati e colline nel Veneto

– Lago di Misurina, e il vicino lago di Sorapis.

Qui pini che si tuffano nel lago, acqua color cristallo e vette innevate. Un paesaggio difficile da descrivere, un luogo in cui la pace è protagonista assieme alla natura. Per saperne di più, leggi l’articolo dedicato a Cortina e Lago di Misurina.

lago di misurina e i pini

– Vittorio Veneto

rientrando da Cortina, si costeggia il fiume Piave, fino ad arrivare a Vittorio Veneto. Prima di arrivare a Vittorio Veneto, merita una sosta Longarone, paese famoso per il gelato.

Continuando lungo la statale si raggiunge la città di Vittorio Veneto. E’ una cittadina elegante,caratterizzata da una grande piazza dove si trova il Municipio. La zona che più affascina è il borgo di Serravalle, con i suoi palazzi del ‘500 e la piccola piazza principale.

vittorio veneto, serravalle(1)

– Valdobbiadene

Prima di raggiungere la meta finale, si attraversa una zona di vigneti. In autunno sembra quasi di immergersi in vasche color del miele e dal sapore aspro, siamo infatti nel bel mezzo del centro vitivinicolo del Prosecco, diventato di recente Patrimonio dell’Umanità. Ci sono tantissime aziende storiche aperte al pubblico, vedi sito ufficiale. Per gli appassionati di vino (io sono, più o meno, astemia) è una bella occasione per scoprire le cantine e immergersi nei profumi del prosecco.

uva di valdobbiadene(1)

– Bassano del Grappa

proseguendo da Valdobbiadene, si può optare per la sosta a Possagno ( con le opere del Canova) o di Asolo (antica città fortificata), fino a raggiungere Bassano del Grappa. Questa cittadina nasce lungo il fiume Brenta, un fiume che l’ha assetata, l’ha vista crescere e che oggi la protegge. Proprio il Brenta è il protagonista della città, con il famoso Ponte Vecchio e la lunga passeggiata che corre lungo il fiume e che porta fino a Trento.

bassano del grappa

– Marostica

non posso non menzionare la mia città, con i suoi due castelli, la piazza degli scacchi e tanti percorsi che si snodano fra il bianco dei ciliegi in fiore, fino alle torri del Castello Superiore.

marostica portone piazza


Questa è solo una piccola parte del Veneto, una Regione che ho nel cuore, soprattutto perchè qui ho trascorso la mia infanzia e che ogni volta ritorno in Italia adoro scoprire. Il bello è che, nonostante gli anni, ancora mi sorprende e mi fa innamorare ogni volta di più.

Vi lascio la piantina dove ho evidenziato questo itinerario, che a dire il vero tocca in piccola parte anche il Trentino Alto Adige, ma la maggior parte è nella sezione alta del Veneto.

Destinazioni alternative nel Veneto

Destinazioni alternative nel Veneto – informazioni pratiche

Come muoversi nel Veneto?

Si può utilizzare il treno e i bus locali, ma per raggiungere al meglio le montagne, ideale è noleggiare un auto. Potete dare un occhiata su noleggio auto di @momondo noleggio per trovare la soluzione più adatta a voi.

Un alternativa può essere noleggiare un camper, così da muoversi senza preoccuparsi di cercare l’alloggio.

Dove dormire in Veneto?

In Veneto si trovano tutti i tipi di soluzioni per dormire, dagli ostelli, ai campeggi, fino a hotel di lusso. A Misurina è molto bello l’hotel Miralago dalle cui finestre sembra quasi di toccare il Monte Cristallo. Anche al Passo Rolle o a San Martino di Castrozza ci sono hotel incantevoli, come l‘albergo Venezia proprio in cima al passo Rolle.

Per la ricerca di hotel o altre soluzioni per dormire, potete utilizzare @momondo hotel, che trova il miglior prezzo confrontando le offerte presenti su centinaia di siti presenti su internet.

giardino castel ivano

E se siete lontani dal nord italia?

Nessun problema, si può arrivare nel Veneto utilizzando l’aereo, arrivando a Verona o a Venezia (voli su @momondo voli). Entrambi questi aeroporti sono vicini alla zona delle Alpi e prealpi venete, quindi diventano un ottima base per esplorare questa meravigliosa zona, dove protagonisti sono la storia e la natura, il verde e la tranquillità.

Vi auguro un buon soggiorno nel mio Veneto e, se passate per Marostica, vi aspetto per un caffè…

facciata esterna castel ivano

 

Articolo scritto in collaborazione con @momondo #admomondo, #owtravelers

43 Replies to “Destinazioni alternative nel Veneto”

  1. Brava, hai fatto una bella rassegna di tanti gioiellini che compongo o la ridente zona interna del veneto. Molti li conosco e li amo, altri mi mancano e mi attraggono, prima fra tutti proprio Marostica, che nonostante io sia una scacchista incallita, non ho mai visitato.

  2. Mete che non conosco, ma i sembra che tu abbia creato un itinerario molto interessante, da salvare e sperimentare presto 😉

  3. Ognuna delle mete che hai presentato mi incuriosisce, ma soprattutto mi sembra adatta ad un viaggio rilassante, di quelli che ogni tanto servono per ricaricarci davvero. Soprattutto la prospettiva di qualche bella passeggiata nella natura (come al Lago di Misurina e al Lago di Sorapis) in questo momento mi attira moltissimo!

  4. Molto molto interessante! Io che abito in Lombardia e dal Veneto disto solo pochi minuti di treno, sono sempre molto incuriosita dal fatto di ricercare nuovi posticini da visitare, magari anche per un breve weekend. Mi hai semplificato la ricerca e te ne ringrazio. Sicuramente ne approfitterò in uno dei prossimi giorni liberi estivi, visto che al momento non ho vere e proprie vacanze in previsione perché sto lavorando veramente tanto. 🙂

  5. Molto interessanti i tuoi consigli, sono veneta anch’io, ma certi posti proprio non li conoscevo, come i laghetti di Colbricon o Castel Ivano.

  6. Che luoghi splendidi. Ho viaggiato con la mente leggendo questo articolo e vedendo le foto splendide. In effetti del Veneto conosco solo le città…

  7. Brava Anna! Hai fatto un piccolo elenco di gioiellini della tua terra; alcuni lo conosco tra cui la tua Marostica (ottime le ciliege!) ma il mio cuore batte per il lago di Misurina.. un luogo incantato in ogni stagione.

  8. Quanti borghi e meraviglie ci sono nel Veneto che ancora non conoscevo. L’unica meta veneta che ho visitato é stata Venezia, quando ero ancora una bambina. Mi piacerebbe tornare e seguire almeno una parte di questo tuo itinerario!

  9. Del Veneto conosco solo la punta dell’iceberg e ne ho avuto conferma leggendo questo post così interessante. Ho sorriso leggendo perché anche io mi considero cittadina dell’universo e spero saremo sempre di più a definirci tali. Un abbraccio dal Salento.

  10. Da Veneta non posso che complimentarmi per questo bellissimo articolo. Il Veneto è molto di più che Venezia (e Verona). Ci sono tantissime piccole cittadine da esplorare. A quelle che hai scritto aggiungerei Asolo, che è molto carina.
    Leggendo il tuo articolo ho scoperto Castel Ivano, che non conoscevo proprio. L’ho subito messo nella lista dei posti da visitare al più presto!

    1. Martina, da venete vedo che siamo entrambe orgogliose della nostra Regione. Assolutamente, Asolo da aggiungere, ma poi ce ne sarebbero tantissime altre

    1. Grazie Virginia, beh sai, sono nata, vissuta, cresciuta qui e ogni anno ci ritorno con immenso piacere. Cittadina del mondo, si, ma mai dimenticare le proprie origini

  11. Quasi quattro anni trascorsi a Venezia per motivi di studio e non ho visto quasi nessuno dei bellissimi luoghi che hai presentato 🙁
    Sono stata tanti anni fa in vacanza con i miei sulle Dolomiti e abbiamo fatto una bella escursione al lago di Misurina… purtroppo non siamo riusciti a visitare il Lago Sorapis… confido nella prossima estate!

    1. Il lago di sorapis è come un diamante incastonato fra lw montagne, te lo consiglio davvero. Grazie x essere passata

  12. A parte valdobbiadene, visitata per le cantine vinicole, non conoscevo nessun altro di questi borghi! Avevo già letto da te di Marostica e ne ero rimasta affascinata. Anche i dintorni devo dire che meritano una visita .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.