Auto, treno o camper. Quale mezzo di trasporto scegliere?

Auto, treno o camper. Quale mezzo di trasporto scegliere?

Auto, treno o camper. Quale mezzo di trasporto scegliere?

Prima di intraprendere il viaggio, una voce molto importante del nostro programma è: come ci muoviamo? Come ci spostiamo nel paese?  La scelta è fra:

  • Mezzi Pubblici
  • Auto o camper
  • Dove noleggiare l’auto

MEZZI PUBBLICI

Muoversi con i mezzi pubblici non è la soluzione ideale per tutti i paesi, ma lo può essere invece per altri.

Attenzione a non scambiare mezzi pubblici con budget ridotto, a volte una tratta con il treno costa molto di più che noleggiare un auto.

⇒ In Giappone, ad esempio, il treno è il mezzo migliore, sia perché si evita di rimanere intrappolati nel traffico di Kyoto o Tokyo, sia perché è velocissimo e costa relativamente poco. Fra l’altro i treni sono così puntuali che non si può sbagliare.

Curiosità: i sedili dei treni in Giappone sono tutti nel senso di marcia, quindi se soffrite il mal di treno, qui non avete problemi. In alcune città e negli orari di punta si possono trovare carrozze per sole donne 🙂

⇒ New York si può girare a piedi, magari intervallando qualche fermata di un “hop-on hop-off”. A New York eviterei la metro solo perché si perdono i migliori angoli colorati di questa città unica.

Comunque una visita alla metropolitana di NewYork merita, soprattutto la nuova Second Avenue Subway o se vi fanno male ai piedi.

Nel resto degli Stati Uniti si può optare per il treno, ci sono bellissimi trip con Amtrak train che arrivano fino in Canada.

Perth Skyline, auto e camper

⇒ L’ Australia è talmente vasta che dipende da cosa visitiamo.

Se ci limitiamo ad una sola zona, esempio Western Australia o Gold Coast, ottimale è noleggiare una macchina, i treni sono abbastanza cari e di limitata copertura.

Se invece vogliamo visitare le principali attrazioni, conviene muoversi con gli aerei (acquistando il biglietto quando si è in zona, ci sono molti FlightCenter per voli low costs ).

In Australia ci sono 3 treni spettacolari che consentono di vivere questo continente in maniera unica e “lenta”:

  • The Ghan, treno che attraversa il deserto rosso da Alice Springs a Darwin;
  • Indian Pacific, che attraversa in orizzontale l’Australia da Perth ad Adelaide e Sydney, 65 ore di viaggio, oltre 4300 km, ed è uno dei tratti in treno più lunghi al mondo;
  • The Overland, da Adelaide a Melbourne in ca 11 ore.

auto o treno, arizona, kingman

⇒ In Africa eviterei i mezzi pubblici, i treni sono pochi e i bus sono affollatissimi. Fra auto, treno o camper, direi quindi di optare per l’automobile

Viaggiare in Africa e spendere poco? Si può.

Se si vuole vivere l`avventura Africana spendendo poco, meglio aggregarsi ai tour di gruppi come www.IntrepidTravel.com o www.geckosadventures.com o www.detourstravel.com (ho indicato solo quelli che ho incontrato nei viaggi in Africa e che erano ben organizzati). 

E’ una esperienza che consiglio a tanti giovani (e non) perchè consente, non solo di girare il mondo spendendo poco, ma entrare in contatto con tanta gente, culture diverse e si parla obbligatoriamente inglese.

Auto, Santorini panorama

Europa. Un altro paese in cui poter viaggiare in treno è l`Europa, con i pass Interrail, a prezzi ben inferiori dello storico Orient Express.

Lasciatemi fare una piccola digressione su questo famoso treno.

L’Orient Express percorreva la tratta fino ad Instanbul ma, dopo vari cambi di percorso, è stato cancellato nel 2009. Oggi questo treno è ripartito come Venice Simplon Orient Express VSOE e raggiunge una volta all`anno Instanbul per poco piu di 14.000 euro.

Questa notizia mi ha fatto riflettere.

In un epoca in cui si sta cercando di velocizzare il tempo per ogni cosa, di portare gli aerei passeggeri a volare a 1000km/h, mangiare nei fast food, correre in moto a 300 km/h, abbiamo anche la necessita di rallentare, di fermarci ed il viaggio in treno è un viaggio lento.

Un viaggio che ti lascia il tempo di guardare il paesaggio formarsi chilometro dopo chilometro, il sole che lentamente abbraccia di rosso la terra, il gabbiano inseguire il fumo del treno e ritornare in virata, quasi per salutarci.

Puo essere una scelta di viaggio alternativo, lo slow travel, che oggi sta iniziando a prendere piede, a diffondersi, quasi come necessità in risposta alla frenesia quotidiana.

Rallentiamo, almeno nel tempo dedicato a noi.

AUTOMOBILE O CAMPER

Una volta abbandonata l’idea di utilizzare i mezzi pubblici, abbiamo la possibilità di scegliere altri mezzi di trasporto:

  • la bicicletta, è una bellissima opzione per muoversi fra i templi di Bagan, o per esplorare le isole Lipari;
  • la motocicletta, è il mezzo ideale per vivere i passi delle Dolomiti, percorrere la famosa Route66 o avventurarsi nel deserto marocchino ;
  • la mongolfiera, per spostarsi lentamente e silenziosamente sopra paesaggi incredibili come le savane africane o le foreste asiatiche.

Rimangono però l’automobile ed il camper i mezzi principali per fare anche lunghe distanze. Riprendendo quanto riportato sopra, i paesi migliori per noleggiare un auto  sono America, Africa e Australia.

La questione diventa, che tipo di auto noleggiare?

La scelta sbagliata puo impedirci di andare in certe zone del paese perchè non asfaltate o non potersi fermare per mancanza di alloggi.

Negli Stati Uniti, la scelta dipende soprattutto dalla zona che vogliamo scoprire: nello Utah, Arizona, Nevada e Texas meglio un bel 4×4, perchè possiamo muoverci in tutta tranquillità , guidando su strade sterrate o impervie.

In queste zone ci si può muovere bene anche con i Camper, anzi non ho mai visto tanti campeggi RV per camper come nell`ovest degli USA.

Questo non significa che con una utilitaria non ci si può muovere, ma, l`opzione 4×4 è la migliore, considerato:

  • il costo non elevato di un 4×4 in USA (2 settimane, costo ca 350 euro, tutto incluso – dati aggiornati a settembre 2018).
  • che le auto qui sono tutte enormi.
  • che ci sono molte strade sterrate.

Nel resto degli Usa/Canada va benissimo un auto “normale”.

Monument Valley, in tutto il suo splendore

Nel SudAmerica, consigliatissima l’auto 4×4, le strade asfaltate non sono sempre in perfette condizioni ed il costo di noleggio di un fuoristrada è di molto inferiore rispetto all’Italia.

Per l’Africa stesso tema. Se si gira per le strade asfaltate e se si fa un trip in SudAfrica (che ha molte, troppe strade asfaltate) può bastare un auto normale. Se invece si va in Botswana, Tanzania, Malawi o Zambia è necessario un 4×4, altrimenti gli spostamenti sono limitati.

In Namibia, molte strade che un tempo erano sterrate, sono state asfaltate, proprio per consentire a tutti di arrivarci, come la bellissima strada rossa che portava a Sossusvlei. Quindi anche in Namibia, se si segue il percorso classico, non serve necessariamente un 4×4.

In Australia la scelta fra auto normale e un 4×4 è legata alle zone da visitare, perchè la rete di strade asfaltate è ampissima lungo le coste, ma, una volta che ci si allontana e si va verso il rosso del outback, è imperativo avere un 4×4.

Qui molto valida è anche l`opzione di un Camper 4×4, che consente, non solo di muoversi nell`outback, ma anche di fermarsi nei numerosi parchi nazionali esistenti e pernottare liberamente.

In Asia ci si può muovere con i bus locali (diventa un viaggio avventura e un viaggio lento, lentissimo a volte), altre volte conviene noleggiare un auto con autista (il prezzo spesso è anche inferiore della sola auto), considerato che in alcuni paesi non ci sono indicazioni stradali e ci si può perdere facilmente.

In Myanmar, ad esempio, è stranissimo guidare: la guida è come in Europa (a destra) ma le macchine hanno il volante a destra, quindi sembra sempre di guidare in senso contrario. La guida con autista in queste zone è anche un modo per far lavorare i locali, quindi è una bella opzione che accontenta tutti.

Infine un altro mezzo alternativo è la barca. 

Se andate alle Galapagos, la barca è l’unico mezzo che vi consente di muovervi fra le varie isole, così come se andate in Amazzonia.

In Amazzonia si gira lungo gli igarapés, con piccole barche a motore, quindi non vi è pericolo di soffrire il mal di mare.

Nelle Galapagos, invece, il mal di mare può limitarci o impedirci la visita delle isole.

Ho scoperto, sul campo, che un modo alternativo di visitare le Galapagos può essere non solo la crociera, ma l’ Island Hopping. Cosa è esattamente l’Island Hopping?

Si pernotta in 2 o 3 isole differenti, così da dormire sulla terra ferma e muoversi in barca durante il giorno. In questo modo, anche chi soffre di mal di mare (come la sottoscritta), riesce a godersi pienamente il viaggio e fa molta meno strada in barca.

L’ Island Hopping è una soluzione ottimale per tutti quei posti formati da tante isole, tutte diverse fra di loro. Seychelles, Hawaii ad esempio.

Permette di evitare inutili perdite di tempo e soprattutto di vivere le isole pienamente, godendosi i tramonti fantastici di Na pali Coast o l’alba a Tortuga Bay.

Auto, treno o camper - Brasile Amazzonia e Lencois Maranhenses lungo un iguarape

 

DOVE NOLEGGIARE L’AUTOMOBILE

Il noleggio può essere scelto prima di partire, sia perchè consente di risparmiare, sia perchè gran parte dei siti di noleggio danno la possibilità di annullare la prenotazione senza costi.

Sul web la scelta è amplissima, ci sono numerosi siti di autonoleggio, da Avis, Europcar, Thirfty tanto per nominarne alcune.

Ma ci sono dei siti che raccolgono le diverse compagnie di autonoleggio e fanno risparmiare non poco. Riporto i siti che ho testato di persona:

  • autoeurope.com sito che utilizzo quasi sempre, compara fra le diverse società di autonoleggio e offre prezzi competitivi anche rispetto alle stesse – valido per tutto il mondo;
  • rentalcars.com  il principale sito di autonoleggi, confronta fra i diversi marchi noti e consente modifiche gratuite, noleggi in tutto il mondo;
  • southafrica4x4.co.za sito dedicato ai 4×4 , anche con tenda, per tutta la zona dell`Africa del sud, in particolare SudAfrica, Botswana e Namibia;
  • drivesouthafrica.co.za leader per i 4×4 in Africa, sempre con possibilità di noleggio della tenda e di tutto quanto occorre per campeggiare (sacchi a pelo, utensili per cucinare, gas, asciugamani) – per l’ Africa sub-sahariana;
  • getaboutoz.com  o www.campervanhire.com.au. per noleggio camper 4×4 in Australia;
  • australian4wdhire.com.au per noleggi soprattutto di auto 4×4 con tenda e accessori – Australia;
  • www.travellers-autobarn.com.au, sito Australiano che si sta sviluppando velocemente e che offre interessanti prezzi di noleggio auto o piccoli camper. Qui nel Western Australia ne stiamo vedendo tantissimi.

Oltre ai siti classici di noleggio auto, può essere interessante dare un’occhiata anche ai siti come Expedia.com , Skyscanner.com soprattutto se abbiamo acquistato, sul loro portale, il volo aereo.

California, Death Valley auto particolare

Nel noleggiare auto o camper verificate molto bene, sempre, cosa è incluso nel prezzo: 

La copertura base che deve sempre esserci è la Rc Auto o CDW (responsabilità per danni) e TP (limitazione responsabilità in caso di furto/incendio).

Il resto delle coperture sono opzionali.  Decidete voi se possono avere senso o meno, a seconda di dove state andando e, comunque, ricordate che potete sempre integrare l`assicurazione al momento del ritiro.

Consigli

> Sempre attenti il giorno del pick up, perchè spesso i noleggiatori raccontano tutti i danni subiti dai turisti, i costi, i drammi e consigliano di aggiungere altre assicurazioni che aumentano in modo esponenziale il noleggio

Le prime volte capitava anche a noi. Scesi dall’ aereo, dopo 20 ore, stanchi e con fuso orario ancora “ben attivo”, firmavamo per coperture di danni improbabilissimi o magari per il pieno benzina, ignorando che il prezzo della benzina non poteva variare così tanto da giustificare 100$ di costo per quel servizio. Quindi occhio.

> Altro elemento importante e da valutare sono i chilometri, meglio optare per il  chilometraggio illimitato.

> Infine il guidatore: il prezzo cambia non solo in base all’età del guidatore, ma anche se inserite un guidatore aggiuntivo (fatelo solo se lo rietenete utile, il prezzo per la seconda guida può arrivare anche a raddoppiare i costi).

 deserto dei pinnacoli, io con occhiali

In sintesi, come scegliere fra auto, treno o camper:

  1. decidiamo il percorso da seguire;
  2. decidiamo il tipo di pernottamento;
  3. in base a questi due elementi  decidiamo l’auto/camper o altro mezzo da utilizzare;
  4. verifichiamo nei vari siti di noleggio la scelta migliore;
  5. controlliamo il costo effettivo del noleggio, considerando la copertura assicurativa inclusa, i chilometri ed guidatore
  6. guidiamo con prudenza e rispettando i limiti, all’estero sono molto severi con chi sgarra!

 

Informazioni e consigli per godervi il vostro viaggio on the road? Leggete questo approfondimento, se volete conoscere altri trucchi su come Noleggiare Auto .

Nei post “itinerario” troverete, nelle parte informazioni utili, per ciascun paese, i siti di noleggio auto sperimentati di persona, così da avere informazioni pratiche per organizzare al meglio il viaggio 🙂

Non ho parlato di un altro, stupendo modo di muoversi che è la motocicletta. Avendo viaggiato in moto per quasi 30 anni, cambiato 9 motociclette e fratturatami solo una caviglia … questo tema merita un post a parte.

E voi, quale mezzo di trasporto preferite per muovervi nei vostri viaggi? 

Ditemelo nei commenti

 

Articolo scritto il 10 gennaio 2018, ultimo aggiornamento  il 10 settembre 2018

17 Replies to “Auto, treno o camper. Quale mezzo di trasporto scegliere?”

  1. Grazie per le info, nel nostro ultimo viaggio in Danimarca abbiamo trovato molto conveniente noleggiare l’auto direttamente tramite la compagnia aerea al momento dell’acquisto del biglietto. Costava meno che ogni altra possibilità.

    1. Si, anche a me è capitato. Bisogna vedere più siti, i prezzi a volte possono essere molto diversi

  2. Un articolo molto esaustivo! Io di prassi preferisco il treno, mi culla, mi permette di vedere il territorio che scorre e mi permette di lavorare, o di leggere. Ho un ricordo molto bello delle barche “popolari” per attraversare l’Amazzonia brasiliana, dormendo in amaca e sorseggiando una birra al tramonto, con dei paesaggi indescrivibili.

  3. Sono d’accordissimo per il Giappone, sono tornata da poco e i treni sono senza dubbio il mezzo migliore per visitarlo. Ma adoro la vita da camper! Mi fa venire in mente tutti i viaggi fatti da piccola con i miei genitori. Mi piacerebbe molto girare l’Australia con questo mezzo anche se, devo dire, mi attira moltissimo anche The Ghan. Non lo conoscevo e ora mi hai dato un nuovo spunto.

  4. Un post ricco di consigli e suggerimenti! Noi infatti in Giappone solo mezzi pubblici e lo stesso nella costa est degli stati Uniti, mentre in Thailandia per esempio abbiamo noleggiato l’auto e ce la siamo girata da nord a sud in autonomia! Il camper lo hanno i miei genitori ma io non lo amo molto!

    1. Grazie, ma veramente nn ti piace il camper? Cmq qui in australia o in Arizona con il camper ti diverti.

  5. Bellissimo questo articolo.. io nella mia vita ho viaggiato in auto, treno, aereo… ma quello che mi manca è il camper ( un mio sogno) e magari in moto anche se ho paura della velocità ahahaha… ma il camper si mi piacerebbe tantissimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.